Colt gode di un’eccellente reputazione presso clienti, dipendenti, azionisti e partner aziendali e ciascuno di noi è pertanto tenuto a impegnarsi al massimo al fine di preservare e migliorare tale reputazione.  Il presente Codice di condotta ha l’obiettivo di garantire che tutti i nostri dipendenti siano consapevoli del proprio ruolo al riguardo.  Di fatto, l’osservanza di quanto stabilito nel presente documento riveste un’importanza fondamentale per il nostro successo.

Colt invita i propri dipendenti a leggere il presente Codice e a firmare il modulo di dichiarazione allegato, confermando in tal modo di aver letto, compreso e accettato il contenuto del Codice. Il Codice ha lo scopo di aiutare tutti i dipendenti a conoscere e seguire gli elevati standard di condotta che Colt si impegna a rispettare nello svolgimento della propria attività. Abbraccia una vasta gamma di problematiche, ad esempio il modo in cui trattiamo clienti, partner, fornitori e dipendenti, e garantisce che le nostre azioni non siano condizionate da conflitti di interesse.

Panoramica

Colt si impegna a rispettare i più elevati standard etici e legali, ma la politica aziendale di Colt non si limita semplicemente alla rigida osservanza dei dettami di legge.  La promozione e il mantenimento di una vera cultura di conformità a leggi, regolamenti e normative in qualsiasi rapporto di affari fanno parte della cultura aziendale di Colt.

Durante le relazioni commerciali condotte a nome di Colt, tutti i dipendenti e le persone incaricate hanno la piena responsabilità di osservare e rispettare le leggi, i regolamenti e le normative applicabili. Dobbiamo fare in modo di dare sempre il miglior esempio possibile con la nostra condotta.  È obbligatorio evitare qualsiasi condotta che rischi di dare anche solo l’impressione di un comportamento illecito.

Lotta alla corruzione – Divieto di accettare tangenti, regalie e ricompense

Tutte le tangenti, regalie e ricompense in denaro o in altra forma sono vietate.  È vietato promettere tangenti, regalie e ricompense o riceverle direttamente o tramite membri della propria famiglia.

I pagamenti illeciti, infatti, non diventano ammissibili se effettuati indirettamente. Ad esempio, non è possibile autorizzare o permettere a terzi di effettuare un pagamento illecito per conto di Colt,  né è consentito stornare completamente o parzialmente un pagamento legittimo.

Il fatto che un pagamento vietato possa essere richiesto da un funzionario pubblico è assolutamente irrilevante.  Anche in questo caso, il pagamento vietato non può essere effettuato.

Sono proibiti i pagamenti non trasparenti e le tangenti per agevolare l’esecuzione di una funzione o di un’attività alla quale il pagante ha diritto per legge (es., lo sdoganamento di merci trattenute alla dogana, l’emissione di permessi), fatta eccezione per i casi consentiti dalla legge in vigore nel Paese in cui sono effettuati e ricevuti.
Non autorizziamo nessuno a offrire tangenti e/o pagamenti non trasparenti a nostro nome e ci impegniamo a garantire che i nostri agenti e altri intermediari non offrano tangenti a nostro nome.  In caso di dubbio relativamente a un pagamento, e qualora si sospetti che tale pagamento possa essere considerato una tangente, effettuarlo solo se il funzionario o la terza parte può fornire una ricevuta ufficiale o la conferma scritta della sua legalità.  In caso di dubbio rispetto a un pagamento, rivolgersi al Comitato per la conformità aziendale sotto indicato.  Se la richiesta è accompagnata da una minaccia immediata di danni fisici, mettere la propria incolumità al primo posto; effettuare il pagamento e denunciare immediatamente l’accaduto al Comitato per la conformità aziendale, menzionando l’importo pagato e le circostanze che hanno indotto a tale pagamento.

La mancata denuncia di un pagamento illecito costituisce di per sé una violazione del presente Codice di condotta aziendale e potrebbe portare all’applicazione di sanzioni disciplinari.  Tale regola si applica anche qualora la persona a conoscenza del pagamento non autorizzato non abbia avuto alcun ruolo nell’effettuare tale pagamento.

Tutti noi di Colt abbiamo l’obbligo imperativo di assicurare che non vengano effettuati pagamenti illeciti.

Conflitti di interesse

Colt si aspetta che tutti i dipendenti dimostrino un alto grado di fedeltà alla Società; a sua volta, Colt è leale verso i propri dipendenti e li sostiene. Nessun dipendente è autorizzato a svolgere attività commerciali che possano causare un conflitto di interesse per la Società, o che possano essere considerate causa di tale conflitto al di là di qualsiasi ragionevole dubbio.  Il conflitto di interesse si configura allorché un dipendente è influenzato dalla possibilità di ottenere benefici, guadagni o favori particolari per se stesso o per uno dei propri famigliari.  Evitare qualsiasi conflitto di interesse che potrebbe insorgere o sussistere anche solo apparentemente. I conflitti di interesse possono assumere diverse forme  e non è possibile identificarli tutti nel presente Codice di condotta aziendale.  Di seguito vengono forniti alcuni esempi di conflitti di interesse che occorre evitare:

  • Svolgere qualsiasi attività in concorrenza con quelle svolte da Colt.
  • Ricevere, a titolo personale, denaro, sconti speciali o doni da qualsiasi cliente o fornitore di Colt, che potrebbero indurre chi effettua la donazione a pensare di poterne trarre un qualsivoglia vantaggio.
  • Svolgere le funzioni di dipendente, consulente, funzionario o amministratore di qualsiasi cliente, fornitore o concorrente di Colt senza previo consenso scritto del Comitato per la conformità aziendale.
  • Acquisire o mantenere qualsiasi interesse finanziario nell’azienda di qualsiasi cliente, fornitore o concorrente di Colt.  È ammesso il possesso di titoli azionari disponibili sul mercato pubblico, a condizione che tale possesso non conferisca controllo o influenza sulla gestione.
  • Sovrintendere, esaminare o influenzare le attività di valutazione del rendimento, assunzione, retribuzione o assegnazione di benefit a favore di qualsiasi famigliare all’interno di Colt o di qualsiasi azienda fornitrice o cliente di Colt. Non è fatto divieto, tuttavia, ai dipendenti Colt di presentare eventuali candidature di famigliari per opportunità di impiego presso Colt.

Insider trading

Colt incoraggia i dipendenti a essere azionisti della Società ma nessun dipendente, o persona a lui collegata, è autorizzato alla compravendita di azioni Colt o di altri titoli (o di qualsivoglia titolo di qualsiasi altra società quotata in borsa) mentre è in possesso di informazioni importanti e non di dominio pubblico.

Un dipendente riconosciuto come insider, e le persone a lui collegate, non è autorizzato alla compravendita di azioni Colt o di altri titoli durante un periodo di chiusura.

Per persona collegata a un dipendente si intende chiunque sia legato da vincoli di matrimonio, nascita o interesse di qualsiasi altra forma, e che agisca come gestore di investimenti per conto del dipendente o di persona collegata a quest’ultimo. Nella compravendita di azioni rientra qualsiasi vendita o acquisto di azioni e qualsiasi esercizio di opzioni su azioni. L’importanza delle informazioni si basa sul criterio di scelta decisionale operato da un investitore per stabilire se la compravendita di azioni avrebbe un impatto sul prezzo delle stesse. Per periodo di chiusura si intende, normalmente, il periodo compreso tra la fine di ogni trimestre finanziario e il momento dell’annuncio dei risultati del trimestre, ivi compresa la data dell’annuncio.

È altresì vietata la compravendita basata sulla divulgazione di informazioni importanti e riservate da parte di un’altra persona a vantaggio o su richiesta di un dipendente Colt.

L’insider dealing è un reato penale in molti Paesi ed è considerato eticamente inaccettabile in tutto il mondo. Ai sensi delle normative che regolano i mercati finanziari del Regno Unito e degli Stati Uniti, è illegale divulgare informazioni riservate a un’altra persona che cerchi di trarne profitto.  È illegale, inoltre, dare consigli ad altri in materia di compravendita di titoli azionari sulla base di informazioni riservate e non di dominio pubblico.

È perfettamente accettabile la compravendita di azioni Colt da parte dei dipendenti, a condizione che le informazioni in possesso di questi ultimi siano di dominio pubblico e che la compravendita non sia vietata per qualsiasi altro motivo. Alcune persone sono considerate sempre in possesso di informazioni riservate, che potrebbero influire sul prezzo delle azioni.  A tali persone, consapevoli della loro posizione, è fatto divieto di operare in borsa senza previa autorizzazione della Società.

Concorrenza leale

Colt crede nella concorrenza attiva ma leale e sostiene l’elaborazione di adeguate leggi in materia. Molti Paesi proibiscono la collaborazione con i concorrenti, o con rappresentanti della concorrenza, e altre attività suscettibili di ridurre la concorrenza. Tali azioni possono dar luogo a sanzioni penali nei confronti dei dipendenti e di Colt.  Di seguito vengono forniti alcuni esempi di condotta inammissibile:

  • Discutere con un concorrente della definizione di condizioni di vendita (es., sconti, prezzi, condizioni di credito, ecc.), della definizione di livelli di produzione, della divisione di clienti o territori o mercati, o del boicottaggio di qualsiasi cliente.
  • Discutere della possibilità di influenzare i clienti rispetto ai prezzi al dettaglio o mettere in atto tali modalità.

Riservatezza

È possibile che un dipendente abbia accesso ad informazioni riservate per la natura stessa del suo lavoro.  Tali informazioni non possono essere condivise con altri al di fuori di Colt né utilizzate a scopo di lucro personale.  Tra le informazioni riservate rientrano le seguenti: informazioni su clienti e fornitori, conoscenza dei piani di business o delle proiezioni di attività e rendimento, programmi di vendita o marketing, elenchi di clienti, azioni legali o normative o strategie di importanza significativa, nuovi prodotti o variazioni di prezzo, avvicendamenti nel senior management, acquisizioni e fusioni o disinvestimenti.

Uso appropriato di risorse elettroniche e di altre risorse aziendali

Tutte le risorse elettroniche della Società sono beni di proprietà di Colt.  I dipendenti sono tenuti a utilizzare tali risorse in maniera responsabile. Nonostante sia consentito l’utilizzo saltuario o occasionale di detti beni, a condizione che esso non interferisca con la conduzione del business di Colt, l’uso improprio o lo spreco di tali risorse è proibito e può essere configurato come un reato.

Proteggere la propria password, ove se ne possegga una, e non utilizzare l’ID di un’altra persona per accedere ai record.  Non alterare i record o il software, a meno che non si sia autorizzati a farlo, e accertarsi sempre che qualsiasi software utilizzato sia stato ottenuto da un fornitore autorizzato della Società. Installare software solo se si è autorizzati a farlo.  Nella maggior parte dei Paesi, le disposizioni precedenti saranno complementari ad altre linee guida relative all’uso di risorse elettroniche e di altre risorse della Società.

Protezione dei dati

Le direttive dell’UE stabiliscono disposizioni in merito alla protezione, al trasferimento, all’accesso e all’archiviazione di dati personali relativi a clienti, dipendenti, contatti e altre persone. Per garantire la conformità a tali disposizioni, i dipendenti sono tenuti a familiarizzare con i principali obblighi, essere consapevoli della necessità di creare e aggiornare sistemi appropriati e rispettare le politiche e procedure Colt sulla protezione dei dati. Sono disponibili, ove necessario, ulteriori dettagli sulle principali politiche e procedure relative al proprio settore funzionale.

Relazioni con il governo, i media e gli investitori

Colt si adopera per costruire relazioni sostenibili a lungo termine con le agenzie governative nazionali e locali, i media e gli investitori mettendo in atto appositi processi aziendali per gestire tali relazioni.

Se si viene contattati dal portavoce di un’agenzia governativa che richiede il rilascio di un’intervista o è alla ricerca di documentazione o informazioni, mettere immediatamente in contatto tale persona con il legale rappresentante a livello nazionale o con il consulente legale senior nella propria unità di business.

A meno che non si sia stati espressamente autorizzati a parlare ai media o agli investitori, inoltrare tutte le richieste dei media e degli investitori al legale rappresentante a livello nazionale o al direttore delle comunicazioni aziendali.

Libri e registri contabili accurati

L’integrità di Colt dipende dall’onestà, completezza e accuratezza dei suoi registri contabili.  Su tutti i registri contabili, i fascicoli dei dipendenti, i moduli di rimborso spese, i moduli di richiesta e altri libri contabili aziendali devono essere riportate, in modo preciso e corretto, tutte le transazioni cui fanno riferimento.  È responsabilità di ogni dipendente Colt accertarsi di essere in possesso della necessaria autorizzazione per ogni transazione e verificare che le ricevute, gli esborsi, le voci del libro giornale, ecc. siano accurati,  formulati in modo da descrivere chiaramente la ragione e lo scopo di ogni transazione e conservati in luogo sicuro.  È vietato riportare voci false o fittizie in qualsiasi libro o registro contabile di Colt o di società affiliate o sussidiarie.

Nessun pagamento a nome di qualsiasi entità aziendale deve essere autorizzato o effettuato a seguito di accordo, espresso o implicito, allo scopo di utilizzare qualsivoglia parte di tale pagamento per scopi diversi da quelli descritti nei documenti a supporto del pagamento stesso.  Di conseguenza, qualsiasi accordo per l’incarico di agenti di vendita, consulenti d’affari o promotori o per il pagamento di una mediazione, deve essere basato su una documentazione che rifletta accuratamente la reale natura dell’accordo.  Di seguito vengono descritte in maggior dettaglio le politiche relative al coinvolgimento di agenti e altre terze parti.

Tra gli esempi di transazioni che violano il Codice di condotta aziendale rispetto alla tenuta di libri e registri contabili sono inclusi i seguenti:

  • Pagamenti falsificati o non registrati nei registri contabili della Società.
  • Richieste di rimborso per spese sostenute non nel corso delle attività di Colt, ovvero non conformi alle politiche e alle procedure relative ai pagamenti di tali spese.
  • Pagamenti effettuati tramite fatture retrodatate o alterate.
  • Qualsiasi transazione in cui le fatture non indicano il prezzo reale della transazione o il prezzo di vendita.
  • La creazione o il mantenimento a nome di Colt di qualsiasi conto bancario in un nome diverso da quello della Società.

Fondi neri

Colt si impegna a non creare o mantenere beni o fondi neri o non registrati.  Qualsiasi dipendente che venga a conoscenza dell’esistenza di fondi neri o beni segreti o non registrati deve riferire immediatamente il fatto al Comitato per la conformità aziendale.

Dipendenti

Colt si impegna ad attrarre e mantenere il personale migliore in base alle capacità e al merito e a offrire tutte le possibili opportunità di condividere il proprio successo con i dipendenti. Grazie a sistemi informativi interni e processi di consultazione, Colt si impegna a mantenere comunicazioni efficaci con tutti i dipendenti. Colt desidera instaurare una cultura di apertura e onestà e si aspetta che i propri dipendenti si trattino reciprocamente con rispetto e considerazione in ogni momento.

Colt non tollera molestie e intimidazioni di qualsiasi tipo. Le molestie sessuali e quelle basate su razza, fede religiosa o preferenze sessuali sono inaccettabili. Oltre a essere illegali nella maggior parte dei Paesi in cui opera Colt, tali molestie costituiscono un concreto disturbo per le attività aziendali e sono contrarie ai valori di Colt. La discriminazione in relazione a razza, genere, preferenze sessuali, età, fede religiosa o inabilità è inaccettabile.  Le violazioni di questa politica daranno luogo ad azioni disciplinari, ivi compresa la cessazione immediata del rapporto di lavoro, ove tale misura sia ritenuta opportuna. È necessario denunciare eventuali episodi di molestia o discriminazione al Direttore delle Risorse Umane locale.

Diritti sul lavoro

Colt si impegna a rispettare i diritti umani fondamentali definiti in otto convenzioni pubblicate nel 1998 dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) ed esige che tutti i dipendenti garantiscano, tramite la loro condotta e responsabilità, il rispetto di tutti i principi fondamentali dell’ILO da parte della Società.

Nelle convenzioni sono trattate le seguenti aree:

  • libertà di associazione e riconoscimento effettivo del diritto di contrattazione collettiva
  • eliminazione di tutte le forme di lavoro coatto o obbligatorio
  • effettiva abolizione del lavoro minorile
  • eliminazione della discriminazione rispetto a impiego e occupazione.

Creazione di un ambiente di lavoro sicuro

I dipendenti hanno l’obbligo di svolgere il proprio lavoro in modo sicuro, senza causare danni a se stessi o ad altri, e di riferire situazioni di potenziale pericolo per la sicurezza o la salute al team responsabile per la salute e sicurezza. A tale scopo, utilizzeranno l’apposito sistema di riferimento dei casi del portale Health and Safety sulla Intranet. È obbligatorio osservare tutti i regolamenti in materia di ambiente e sicurezza.  Poiché i regolamenti variano da un Paese all’altro, è obbligatorio informarsi in proposito e attenersi alle disposizioni vigenti.

Persone che operano per conto di Colt 

Per svolgere operazioni per conto di Colt, periodicamente i dipendenti incaricano terzi, ivi compresi agenti, rappresentanti di commercio e consulenti. Qualsiasi dipendente coinvolto nell’ingaggio di terzi ha la responsabilità di verificare che siano state stabilite opportune misure di tutela in modo che detti terzi si conformino al presente Codice di condotta aziendale e alle leggi vigenti in materia.  Tutti i contratti stipulati da terzi devono essere riveduti e approvati in anticipo dal consulente legale Colt preposto.

Doni e ospitalità

Non rientra nella nostra politica impedire ai dipendenti di offrire o ricevere doni di modesto valore o di offrire e ricevere intrattenimento in relazione all’attività commerciale (es., cene o manifestazioni sociali o sportive), fatte salve le seguenti linee guida:

Doni: limite annuale di € 150 in totale

È fatto divieto di accettare qualsiasi forma di dono, servizio o forma di ospitalità, direttamente o indirettamente, che potrebbe indurre il donatore a pensare di trarne un qualsivoglia vantaggio. È fatto divieto di offrire omaggi o doni di valoresuperiore a € 150 (o equivalente) per anno solare a qualsiasi persona fisica o azienda (o persone collettive nella stessa azienda) che sia fornitore, cliente o partner aziendale effettivo o potenziale di Colt. Qualora si desideri offrire o ricevere un dono di valore superiore, è obbligatorio chiedere l’autorizzazione del Comitato per la conformità aziendale di Colt (vedere i contatti di seguito).

A prescindere dal valore, non è consentito intraprendere alcuna delle seguenti attività in relazione alla condizione di dipendente Colt:

  • Offrire o ricevere contanti, doni equivalenti a contanti, assegni o altri titoli negoziabili.
  • Sollecitare doni, favori o altre forme di trattamento preferenziale.
  • Prendere in prestito o prestare denaro (da entità diverse da quelle preposte all’erogazione di prestiti, alle normali condizioni di mercato).

Ospitalità: limite di € 150 a persona per evento

È concesso offrire o accettare biglietti per eventi di intrattenimento, sociali, culturali o sportivi, fatte salve le seguenti condizioni:

  • È necessario ottenere prima l’approvazione del Comitato per la conformità aziendale se il valore totale dell’intrattenimento offerto o accettato supera  € 150 (o equivalente).
  • È ammessa l’offerta o l’accettazione di biglietti qualora la persona che li fornisce partecipi all’evento assieme al beneficiario, con il preciso scopo di discutere di affari o di instaurare una relazione commerciale.
  • Se si offrono o ricevono biglietti in cui la parte che li fornisce non partecipa all’evento assieme al beneficiario, la transazione è considerata un dono e soggetta al limite complessivo annuale di € 150 (o equivalente) per anno solare.
  • È espressamente proibita la rivendita dei biglietti.

In caso di domande sul valore o sull’ammissibilità di un dono o dell’intrattenimento, consultare il Comitato per la conformità aziendale.

Quando si deve decidere se offrire o ricevere un dono, è necessario chiedersi prima se l’accettazione del regalo comprometterebbe in qualche modo l’integrità o la reputazione della Società.

Donazioni a partiti politici

Nessuna unità di business o nessun dipendente Colt può elargire finanziamenti o mettere a disposizione infrastrutture o servizi di Colt a qualsivoglia partito politico, ufficio politico o candidato, o per qualsiasi iniziativa o campagna referendaria, senza la previa autorizzazione scritta del Consiglio di Amministrazione.

Come segnalare una condotta vietata

Non è ammessa alcuna condotta che sia in violazione della politica aziendale ed è fatto divieto di chiedere ad altri dipendenti o persone che agiscono per conto di Colt di commettere una violazione.  Chiunque venga a conoscenza, direttamente o indirettamente, di una condotta o una transazione vietata dal presente Codice di condotta aziendale deve segnalare immediatamente il fatto al Comitato per la conformità aziendale e/o alla Linea di etica aziendale di Colt.

La mancata denuncia di una violazione nota è passibile di azioni disciplinari.  Tutte le segnalazioni devono essere veritiere, accurate ed effettuate in buona fede. Nessuna persona che segnalerà una sospetta violazione sarà oggetto di ritorsione a seguito di una segnalazione effettuata in buona fede.  Tutte le segnalazioni saranno trattate con la massima riservatezza possibile.

Disciplina

Qualsiasi violazione delle politiche descritte nel presente Codice di condotta aziendale, o di qualsiasi politica Colt applicabile, è passibile di azioni disciplinari.  A seconda delle circostanze, anche in base alla natura e gravità della violazione, le azioni disciplinari potranno contemplare la cessazione del rapporto di lavoro.

Sicurezza e conformità

Tutti i dipendenti sono tenuti a confermare di avere letto il Codice di condotta aziendale e a rispettarlo.

Il Codice di condotta aziendale è soggetto alle leggi e alle normative locali e non sostituisce queste ultime.

Il funzionario delle Risorse Umane responsabile di fornire tutta la documentazione relativa all’assunzione deve consegnare anche il Codice di condotta per la sottoscrizione.

Qualsiasi dubbio interpretativo sul presente Codice di condotta aziendale o sulla sua applicabilità deve essere esposto al Comitato per la conformità aziendale, di cui si forniscono le informazioni di contatto più avanti. In tali dubbi rientrano le presunte violazioni del presente Codice di condotta aziendale e le eventuali domande o interpretazioni dello stesso.

L’organismo responsabile della supervisione e dell’amministrazione di questo Codice è il Comitato per la conformità aziendale.  Ove necessario, il Comitato per la conformità aziendale deve consultarsi con altri rappresentanti del senior management. Il Comitato per la conformità aziendale risponde all’Audit Committee del Consiglio di Amministrazione di Colt Group S.A.

I membri del Comitato per la conformità aziendale possono essere contattati tramite e-mail, telefono o per lettera. I dettagli vengono forniti in calce al presente Codice. Tutti i dipendenti e le persone che operano per conto di Colt sono incoraggiati a contattare il Comitato per la conformità aziendale qualora ritengano sia necessario.  La Linea di etica aziendale di Colt è stata creata come canale alternativo a disposizione dei dipendenti per effettuare segnalazioni in tutta riservatezza.

Come contattare il Comitato per la conformità aziendale

Si può contattare il Comitato per la conformità aziendale:

  • inviando un’e-mail all’indirizzo CorporateComplianceCommittee@colt.net
  • scrivendo all’indirizzo The Corporate Compliance Committee, c/o The Corporate Secretary, Colt Technology Services Group Limited, Colt House, 20 Great Eastern Street, London EC2A 3EH.

Come contattare la Linea di etica aziendale di Colt

La Linea di etica aziendale è uno strumento che Colt mette a disposizione dei dipendenti per segnalare presunte violazioni del Codice.

Tale canale viene fornito dai Global Compliance Services (che sono indipendenti da Colt), è gratuito e disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, per consentire al personale Colt di effettuare segnalazioni in tutta riservatezza. Le segnalazioni devono essere veritiere, accurate ed effettuate in buona fede. Nella maggior parte dei Paesi in cui è presente Colt è possibile inoltrare segnalazioni in forma anonima. In alcuni Paesi, non sono consentite le segnalazioni anonime, quindi la Linea di etica aziendale chiederà al segnalante di fornire la propria identità, anche se tali informazioni saranno mantenute riservate.

La Linea di etica aziendale di Colt può essere contattata telefonando ai numeri verdi riportati di seguito. Digitareinnanzitutto il codice di accesso per il proprio Paese (vedere l’elenco riportato sotto)

Austria 0 – 800 – 200 – 288
Belgio 0 – 800 – 100 – 10
Danimarca 8001 – 0010
Francia 0800 – 99 – 00 – 11
Germania 0800 – 225 – 5288
Hong Kong prima 800 – 6 – 1111 quindi 888 – 475 – 0049
Irlanda 1 – 800 – 550 – 000
India 000 – 117
Italia 800 – 172 – 444
Lussemburgo 800 – 201 – 11
Paesi Bassi 0800 – 022 – 9111
Portogallo 800 – 800 – 128
Romania – 888 – 475 – 0044 – 7969
Spagna 900 – 99 – 0011
Svezia 020 – 799 – 111
Svizzera 0 – 800 – 89 – 0011
Regno Unito 0 – 800 – 89 – 0011 oppure 0 – 500 – 89 – 0011
Stati Uniti 1 – 800 – 451 – 5382*

* Questo numero fornisce accesso diretto alla Linea di etica aziendale di Colt.

Quindi, dopo aver sentito la voce dell’operatore, digitare 800 – 451 – 5382 (tranne che per Stati Uniti e Romania)

Il presente Codice di condotta aziendale è di proprietà del Company Secretary.