COLT Telecom supporta i CIO a migliorare la produttività grazie alla tecnologia


La battuta d’arresto dell’economia e le difficili condizioni di mercato hanno imposto a molte aziende di esaminare con estrema attenzione la propria efficienza aziendale, che va ben al di là del concetto di riduzione dei costi. Perciò il ruolo del CIO oggi si rende più complesso, implicando la capacità di generare nuovi flussi di ricavi e migliorare l’esperienza dell’utente contribuendo ad aumentare la produttività dei propri dipendenti.

COLT, operatore leader in Europa per le telecomunicazioni aziendali, in collaborazione con IDG Global Solutions, ha fatto uno studio per identificare i metodi pratici attraverso cui i CIO possono utilizzare la tecnologia per risolvere le problematiche più urgenti con cui si devono confrontare oggi le proprie aziende. Lo studio è sistematizzato in un rapporto dedicato alla Efficienza Aziendale, “Business Efficiency”.

Sfide per il CIO

Nel rapporto “Business Efficiency” , sono state evidenziate anche le principali sfide che i CIO devono affrontare:

“La necessità di migliorare l’efficienza attraverso la tecnologia sta aumentando la pressione che i CIO devono affrontare in tutte le organizzazioni”, sottolinea Dionigi Faccenda, Direttore Business Unit CMS (COLT Managed Services), che aggiunge “Oggi il ruolo dei CIO è cambiato perché da loro ci si aspetta che forniscano metodi innovativi per consentire al business di generare ricavi, aumentando al contempo l’efficienza attraverso il miglioramento della produttività dei propri collaboratori”.

Risposte tecnologiche alle sfide dei CIO:

Il rapporto di IDG Global Solutions e COLT evidenzia una serie di soluzioni facilmente implementabili, che consentono di aumentare l’efficienza:

1.Convergenza della rete:

La convergenza di dati e voce in un’unica rete è uno dei metodi applicabili per aumentare l’efficienza. La distribuzione di dati e voce attraverso un’unica piattaforma significa che è necessario supportare una sola rete, con il conseguente taglio dei costi di manutenzione e assistenza e la razionalizzazione dei fornitori. Le piattaforme moderne consentono inoltre di integrare applicazioni collaborative per voce, dati e video allo scopo di abilitare i knowledge worker ad aumentare la produttività e l’efficienza attraverso una migliore collaborazione.

2. Servizi gestiti:

Rivolgendosi ad un provider di servizi gestiti, le organizzazioni possono concentrare le risorse interne ad attività legate al core business. I servizi gestiti possono comprendere, ad esempio, l’outsoucing di servizi vocali e di hosting Web, fino alla migrazione ad un’architettura di grid computing. I vantaggi a livello di efficienza dei servizi gestiti consistono in una rapida scalabilità, un miglioramento della qualità del servizio e, di conseguenza, del supporto ai clienti. I servizi gestiti consentono un minore investimento di capitale, in quanto la necessità di investire in nuove piattaforme diventa un onere del fornitore. . Inoltre, la fornitura di questi servizi viene generalmente gestita in hosting in un ambiente sicuro, riducendo i tempi di inattività, evitando la perdita di dati e assicurando la conformità alle normative.

3. Virtualizzazione:

La virtualizzazione sta rapidamente trasformando il panorama IT e cambiando fondamentalmente il modo in cui le persone svolgono le attività informatiche. La virtualizzazione consente alle aziende di configurare più macchine virtuali su una sola macchina fisica, condividendo le risorse tra più ambienti. Diverse macchine virtuali possono gestire diversi sistemi operativi e più applicazioni sullo stesso computer fisico. In questo modo è possibile recuperare le risorse in eccesso esistenti, come server, sistemi di archiviazione e risorse di rete sotto-utilizzati. Viene, inoltre, ridotta l’esigenza di disporre di un surplus di energia e di sistemi di raffreddamento, di ulteriori apparecchiature IT e risorse economiche.

4.Utility Computing:

L’utility computing consiste nella pacchettizzazione delle risorse di elaborazione, ad esempio calcolo e archiviazione, sotto forma di servizio a consumo come per i servizi pubblici per elettricità e acqua o per la rete telefonica. Presenta il vantaggio di richiedere un costo di acquisto quasi pari a zero, in quanto le risorse di elaborazione vengono affittate o addebitate in base all’uso effettivo anziché a una tariffa fissa. Come altri tipi di elaborazione on-demand (quale il grid computing), il modello di utility computing è finalizzato a ottimizzare l’uso efficiente delle risorse e/o a ridurre i costi associati.

5. Grid Computing:

Il modello di grid computing consente la condivisione delle risorse di archiviazione, dati ed elaborazione. Le risorse possono essere implementate da data centre distribuiti e rese accessibili a molti utenti attraverso una rete chiusa. La tecnologia su cui si basa il grid computing separa in modo efficiente l’applicazione software dall’infrastruttura hardware sottostante, consentendo la massima flessibilità e scalabilità nell’esecuzione delle applicazioni. L’efficienza si ottiene sotto forma di tempi di risposta ottimali delle applicazioni, con il conseguente miglioramento dell’efficienza dei dipendenti.

6. Software as a Service (SaaS):

Mentre aumenta il numero di fornitori di soluzioni SaaS, la fase successiva riguarderà il miglioramento dell’esperienza del cliente. Questo risultato può essere raggiunto utilizzando l’infrastruttura di grid computing con SLA a livello applicativo ed una community chiusa di reti interessate, invece di utilizzare Internet per accedere alle applicazioni. I miglioramenti dell’efficienza comprendono costi trasparenti e prevedibili grazie all’uso di software pay-as-you-go, all’accesso alle applicazioni aziendali sempre, ovunque e più velocemente.

L’elemento comune di queste tecnologie è lo spostamento da investimenti in conto capitale ad un approccio a consumo, inoltre il fattore abilitante è la diffusione della fibra ottica, che ha reso Internet sempre più veloce e potente.

In questo scenario, il partner di servizi IT deve essere in grado di:

“L’efficienza deriva dal miglioramento delle strutture di costo, sfruttando la scalabilità e migliorando la produttività delle persone che generano ricavi per l’organizzazione. Le tecnologie che possono facilitare il raggiungimento di questi risultati richiedono un’accurata pianificazione. E’ quindi fondamentale per qualsiasi organizzazione analizzare e capire dove è possibile ottenere più velocemente i miglioramenti dell’efficienza. La rapidità di implementazione e la garanzia di ottenere un veloce ROI si ottengono spesso attraverso l’esternalizzazione ad un partner di fiducia, riducendo l’esigenza di acquisire nuove competenze e liberando le risorse interne affinché possano concentrarsi sul core business. COLT si propone come unico partner di riferimento garantendo vantaggi in termini di garanzia di livello di servizio (SLA integrati per la parte TLC e IT), flessibilità, esperienza e sicurezza” commenta Dionigi Faccenda, Direttore Business Unit CMS di COLT Italia.

COLT

COLT TELECOM SPA è uno degli operatori leader in Europa per le telecomunicazioni della clientela business. COLT è specializzata nel fornire servizi dati, voce e managed services a PMI, grandi aziende e a carrier. COLT opera in 13 Paesi, possiede e gestisce una rete di 25.000 km, che include reti metropolitane in 34 delle maggiori città Europee con connessioni dirette in fibra in 16.000 edifici, e 18 COLT data centre.

COLT Telecom Group S.A. è quotata al London Stock Exchange (COLT). Informazioni su COLT e i suoi servizi sul sito www.colt.net.

Per ulteriori informazioni :

Trimedia
Chiara Rubin – chiara.rubin@trimedia.it
Alessia Cuppini – alessia.cuppini@trimedia.it
tel. 02 76001633

COLT
Elisabetta Borghi – elisabetta.borghi@colt.net
tel. 02 30333 239

Contatta un esperto

800 909 319

Live chat con un Sales Rep

La live chat è disponibile dalle 9 alle 17, dal lunedì al venerdì

Scrivici in chat 

Contatta la nostra divisione vendite