Dipendenti più produttivi… a casa propria!

HomeDipendenti più produttivi… a casa propria!

Oltre il 70% degli intervistati in una indagine condotta da Microsoft ha affermato di essere più produttivo quando lavora fuori dall’ufficio.     channelpro.co.uk ha evidenziato altre conclusioni emerse dallo studio; ad esempio, il 38% degli intervistati ritiene di essere più creativo per l’azienda potendo lavorare in maniera più flessibile. Ma che cosa impedisce alle aziende di permettere al personale di lavorare fuori dall’ufficio?

Steve Tassel di Microsoft ha dichiarato a cloudpro.co.uk: “Abbiamo riscontrato che si fatica a dare piena fiducia alle persone del team che non si trovano fisicamente in ufficio. Dare per scontato che lavorino in maniera produttiva è più difficile [rispetto a chi invece è in azienda]”. A favore di questa tesi, dallo studio è emerso anche che il 73% degli intervistati non crede che i lavoratori in remoto si impegnino tanto quanto il personale in ufficio.

Secondo noi, il ricorso ad alcuni semplici strumenti può contribuire ad avvicinare i dipendenti e a promuovere un clima di fiducia all’interno dell’azienda. Uno di questi è la videoconferenza, che permette di mantenere un contatto visivo costante. Altri strumenti utili possono essere la messaggistica istantanea (IM) e  tool di collaborazione in tempo reale come Soonr e SharePoint.

Ovviamente, questi strumenti non sono la risposta a tutti i problemi legati al lavoro da remoto. Tuttavia, visto che si tratta di una tendenza in crescita, crediamo che rappresentino un ottimo modo non solo di mantenere il contatto con i propri colleghi, ma anche di creare fiducia.