Impariamo a guadagnare o guadagniamo ad imparare?


La scorsa settimana sono andato ad un evento organizzato da Tricia Hartley (@Tricia_CFL), CEO dell’ente benefico “Campaign for Learning”, ospitato da Pearson. Lo scopo dell’evento era quello di condividere idee e storie di successo.

Lord Jim Knight (@jimpknight) è intervenuto raccontando la prima cosa che imparò dal suo primo lavoro di attore teatrale quando era ancora bambino. Durante il suo discorso, mi ha particolarmente colpito la frase “guadagnare e imparare, imparare e guadagnare”. A questo proposito, mi domando se stiamo davvero imparando a guadagnare (di più) o se è possibile guadagnare dall’imparare (di più)?

Questo mi ha ricordato la storia che mi raccontò il mio primo mentore d’affari: “Ci sono due dee che risiedono nel cuore di ogni essere umano. La dea della conoscenza, Sarasvati, e la dea della ricchezza, Lakshmi. La maggior parte delle persone passa la loro vita ad inseguire la dea della ricchezza, che è la più difficile da catturare. Quello che loro di solito non sanno è che la dea della ricchezza è estremamente gelosa. Di conseguenza, più tendi a imparare e a cercare la dea della conoscenza, più sarà facile che la dea della ricchezza ti segua per gelosia!”

Tanti modi per imparare… Li conosci tutti?

Il punto del mio mentore era che non si deve mai smettere di imparare. Promuovere l’apprendimento potrebbe sembrarti un cliché, come dire che lo sport aiuta a stare in forma. Tuttavia, molti professionisti stanno perdendo le opportunità di imparare che vengono loro offerte. Gli addetti alle risorse umane si sentono spesso dire “non ho tempo di partecipare a quel training” oppure “non ho indicazioni per partecipare a eventi di formazione in aula”, oppure vengono frenati da misure di controllo dei costi. Esistono però molti modi diversi di apprendimento: programmi di open learning, imparare dai propri colleghi, focalizzare le ricerche internet, wikipedia interni (noi ne abbiamo uno chiamato “Coltepedia”), ecc. Come professionisti, aspiriamo a crescere e diventare leader (migliori). “Il momento in cui smetti di imparare, smetti anche di essere un leader!” (Rick Warren).

Noi di Colt, siamo stati pionieri nel campo dell’apprendimento. Questa iniziativa è cresciuta dal “Learning at work day” nel 2012 al “Learning at work week” lo scorso anno, con oltre quattromila ore di apprendimento per migliaia di collaboratori in diciassette Paesi. A Giugno, lanciamo il “Learning and Communities month”, dove tutti sono invitati a partecipare a sessioni di formazione focalizzate sulle conoscenze essenziali che possono aiutarci a crescere come individui, portando avanti la nostra intenzione di diventare un business formidabile. Queste includono sessioni sul “cambiamento di mentalità”, l’evoluzione della nostra Voce di business e il prodotto del nostro team Innovazione e Prototipi.

Perché imparare e fare comunità?

Allo stesso tempo, la nostra campagna include opportunità di volontariato, perché crediamo che quando si fa volontariato in squadra si impara da esso, aiutando allo stesso tempo la comunità locale! Ad oggi abbiamo confermato un progetto di beneficienza nella maggior parte delle nostre grandi città. A Roma, i dipendenti Colt hanno portato avanti alcune iniziative benefiche, in cui sono stati raccolti e donati più di 1.000 euro per gli enti benefici che si prendono cura dei bambini. Oltre alla raccolta di cibo e vestiti, andata avanti per diversi mesi, l’attività di raccolta fondi ha dato la possibilità ad 8 bambini della Casa Famiglia del Divino Amore (organizzazione di beneficenza locale che si occupa degli orfani) di andare a sciare per una settimana. Inoltre, i dipendenti romani, insieme a quelli delle sedi di Milano e Torino sono stati promotori dell’organizzazione di una festa di Natale che si è tenuta, in ogni sede, nel mese di dicembre, e ha permesso di raccogliere 4.200 euro totali, che sono stati poi devoluti al Centro Ambrosiano di Aiuto Alla Vita di Milano, alla Fondazione Paideia di Torino e alla Casa Famiglia del Divino Amore di Roma.

Abbiamo accumulato ad oggi oltre 18.000 ore di volontariato e in Colt – proprio come una vera squadra – abbiamo saputo svolgere il ruolo di volontari e di raccolta fondi, dimostrando che insieme possiamo fare molto.

Confido che questo sarà un mese pieno di apprendimento! Per saperne di più sulla Corporate Responsibility di Colt visita www.colt.net/csr. Se, invece, vuoi sapere che tipo di allievo sei: Riflessivo, teorico, attivista, pragmatico, dai un’occhiata al portale Campaign for learning.

Contatta un esperto

800 909 319

Live chat con un Sales Rep

La live chat è disponibile dalle 9 alle 17, dal lunedì al venerdì

Scrivici in chat 

Contatta la nostra divisione vendite