, ,

La forza dirompente delle reti SDN

HomeBlogsLa forza dirompente delle reti SDN

di CARL GRIVNER

Le reti Software Defined Network (SDN) si basano su un modello molto tradizionale, che abbiamo avuto e utilizzato per lungo tempo, e lo hanno cambiato, andando potenzialmente a romperlo. Finora questo modello è stato molto “proprietario”, basato appunto su una tecnologia proprietaria. Indipendentemente dalla tecnologia acquistata e dal vendor a cui vi siate rivolti, il business model è sempre andato nella direzione che loro hanno stabilito e alla velocità di cambiamento che loro hanno impresso, in base a come era stata progettata la rete.

Tuttavia, quando si parla di software, la storia cambia. Si arriva, infatti, al punto in cui tu stesso, in qualità di utente, puoi iniziare a modificare le interfacce, la larghezza della banda, le funzionalità della rete, e introdurre caratteristiche aggiuntive come firewall, tecnologia di cifratura oppure aumentare il livello di sicurezza informatica della rete.

È possibile aggiungere applicazioni in una metodologia “software defined”, non interfacciandosi necessariamente con la tecnologia proprietaria. Questo ovviamente è sempre possibile, ma vi è anche la possibilità di personalizzare la rete in base alle proprie esigenze specifiche, e penso che sia proprio questa la vera svolta. E se sei un CFO o un CEO, i costi di rete inizieranno a diventare una parte più variabile dell’intera equazione. E allora il gioco comincerà a farsi davvero interessante, con sempre maggiori opportunità offerte da questo nuovo approccio.

Cambiare il gioco

In questo momento, non si può pretendere di avere tutte le risposte relative alla portata e alla profondità di questo cambiamento, né sperare di cogliere tutte le implicazioni che esso può avere. In questo momento, quel che è certo è che rappresenta un’evoluzione. Recentemente ho incontrato un importante carrier di rete, il quale mi ha posto queste stesse domande, perché anche loro sono alle prese con queste stesse problematiche.

Per esempio: come cambia il business model da un carrier all’altro? Come può Colt inserirsi nella rete di un altro carrier o di un altro fornitore di servizi e operare in parallelo a quest’ultimo oppure, guardando le cose da un altro punto di vista, come possono fornire una rete o dei servizi sulla rete di Colt?

Come gestire questa situazione dal punto di vista commerciale? Come funziona questo nuovo sistema economico? Direi che tutto questo non è ancora stato analizzato in ogni minimo dettaglio e una delle idee su cui abbiamo riflettuto è fare incontrare alcuni dei leader di pensiero in questo settore, a livello globale, e provare a ridefinire l’intero sistema.

Ridefinire il settore

E’ quasi come tornare a una situazione di alcuni anni fa, e ridefinire non solo il business model per Colt, ma per un intero settore, coinvolgendo i vari player e provando a dare una direzione diversa a questo nuovo mondo delle software-defined network.

Credo anche che coloro che non prenderanno parte a questo cambiamento, rimarranno necessariamente indietro. In definitiva, stiamo per creare un nuovo modello e nuove opportunità. Quindi, che tu sia un cliente o un altro carrier, è necessario riflettere su tutto questo, perché sarà molto interessante. Perché cambieranno tante cose. E il cliente avrà molta più importanza, in quanto cambierà radicalmente il modo di offrire un servizio ai propri clienti finali.

Fiber optics background.More files like this in my fiber optics lightbox!

Colt Technology Services

30 March 2016

 

Recent blog posts

La Borsa di Varsavia (GPW) diventa un provider di Colt PrizmNet

La partnership segnala la crescente presenza di Colt nell'Europa centrale e orientale   Londra, Regno Unito, 2 luglio ...
Continue Reading

LA BCE sceglie SIA e Colt per la rete di accesso ai sistemi di pagamento, titoli e garanzie dell’Eurosistema

La concessione avrà la durata di 10 anni SIA e Colt potranno fornire a tutte le istituzioni finanziarie ...
Continue Reading
Enzo Cascino @FintechAge Awards

Colt premiata ai FinTech Age Awards di Forbes

Milano, 12 giugno 2019 - Colt Technology Services è lieta di annunciare che in occasione di FinTech Age ...
Continue Reading