Sempre più dati, sempre più cloud

HomeSempre più dati, sempre più cloud

Se pensate di essere bombardati da troppi dati, non sarete felici di sentire che le cose sono destinate solo a peggiorare.

Internet sta crescendo in maniera esponenziale. Attualmente le sue dimensioni si aggirano intorno al mezzo zettabyte. Secondo la società di analisi IDC, entro il 2020 aumenteranno fino a 40 zettabyte (uno zettabyte equivale, più o meno, a un miliardo di terabyte). Se l’attuale quantità di dati presente in Internet fosse rappresentata da libri, questi libri potrebbero essere messi in fila e coprirebbero per 10 volte la distanza che c’è tra la Terra e Plutone.

Non è pensabile che tutti questi dati siano mantenuti su singoli server. Secondo gli esperti, la potenza scalabile del cloud computing sarà un elemento sempre più importante per gestire efficacemente questi dati.

Brian Nicholson, un professore della Manchester Business School, sostiene che l’83% delle aziende potrebbe aumentare i propri margini di profitto del 22% grazie all’adozione del cloud. E la crescita esponenziale dei dati prevista, con i relativi requisiti di potenza necessari, renderà queste cifre ancora più impressionanti.

Vi sembra uno scenario verosimile? Cosa pensate della promessa di risparmio e del potenziale aumento dei profitti derivanti dall’adozione del Cloud?