Tre validi motivi per passare al cloud

HomeTre validi motivi per passare al cloud

In uno dei post precedenti abbiamo evidenziato i punti più comunemente percepiti come critici dalle aziende nel passaggio al cloud computing.

Dal confronto quotidiano con i nostri clienti emerge tuttavia che molti di questi argomenti spesso non vengono sollevati dall’IT, bensì da funzioni diverse all’interno dell’azienda. A sostegno dei fautori del cloud come leva che può migliorare il business, abbiamo pensato di evidenziare i tre principali vantaggi del cloud computing:

1. Riduzione dei costi

Innanzi tutto, considerate quanto state pagando per i server fisici, compresi l’hardware, i consumi energetici e la gestione IT. Aggiungete poi i costi dei contratti di licenza per le applicazioni aziendali. Il passaggio dell’infrastruttura, del middleware e del software al cloud comporterà un’immediata riduzione dell’investimento iniziale e dei costi energetici ricorrenti, nonché la garanzia di pagare esclusivamente per ciò che viene utilizzato.

2. Sicurezza all’avanguardia

Il 50% dei partecipanti a un’indagine di Forrester ha citato la sicurezza come ragione per evitare il cloud computing. Tuttavia, la numerosità dei protocolli di gestione e il volume dei dati che vengono quotidianamente trasmessi o preservati in storage stanno avanzando a un ritmo tale che la maggior parte delle aziende che utilizzano procedure di sicurezza localizzate avranno difficoltà a tenere il passo. I data centre che ospitano i dati sono inoltre classificati in termini di ridondanza e sicurezza fisica, rendendo più semplice che mai il confronto tra i livelli di protezione.

3. Maggiore produttività

Con argomenti quali la mobilità e il modello Bring Your Own Device (BYOD) e del remote working in cima all’ordine del giorno per molte aziende, vi sono ancora molte perplessità circa la violazione dei dati sui dispositivi personali. Esistono numerose e sofisticate tecnologie di identificazione e crittografia in grado di prevenire la maggior parte delle violazioni e di eliminare perfino i dati in caso di furto del dispositivo. Anziché provocare frustrazione a causa di accessi lenti o dell’impossibilità di accedere alle informazioni lontani dall’ufficio, consentire al personale di lavorare in mobilità tramite applicazioni cloud può accrescere la motivazione e portare notevoli vantaggi in termini di produttività.

Questi sono i benefici che ci sembrano più evidenti. Tuttavia, il cloud porta con sé altri notevoli vantaggi, quali migliori credenziali ambientali, maggiore agilità nella gestione del business e dell’IT e possibilità di testare l’infrastruttura tecnologica per il futuro.

In altre parole, innumerevoli ragioni per far cambiare idea anche agli scettici.

Come si è evoluta la vostra azienda effettuando il passaggio dell’infrastruttura o delle applicazioni al cloud? Raccontatecelo inserendo i vostri commenti!

Ulteriori informazioni sugli scenari aziendali correlati al cloud computing sono disponibili qui.