Lo storage di dati aziendali in un cloud privato è davvero un gioco da ragazzi?

HomeLo storage di dati aziendali in un cloud privato è davvero un gioco da ragazzi?

E’ probabilmente capitato a chiunque di perdere il lavoro di ore per un arresto anomalo del computer.  A qualcun altro sarà capitato di lasciare il laptop sul treno. La libreria di iTunes, le foto dei vostri bambini e tutto il resto: mentre state uscendo dalla stazione tutte queste cose stanno allegramente viaggiando a 150 km all’ora verso chissà quale destinazione… Il disagio è grave sia per le aziende che per i singoli individui, sebbene la perdita di dati sia un danno maggiore per un’organizzazione.

Prendiamo spunto dall’opinione di Jayson Dudley, Group Infrastructure Manager di Mazars, società specializzata in contabilità, che definisce su Computing il backup dei dati tramite cloud un “gioco da ragazzi”. Tutti sappiamo che la tecnologia esiste, è facile da usare, è più conveniente rispetto al passato e dà meno problemi in termini di sicurezza. E’ anche vero che l’espressione “gioco da ragazzi” potrebbe sembrare una semplificazione eccessiva.

Ci sono diverse considerazioni da non tralasciare. Per esempio, come affrontare la scelta di un fornitore? Come far configurare i sistemi di storage di dati basati su cloud? Quali dati sottoporre a backup online e con che frequenza?  Fatte le dovute analisi, l’implementazione e la gestione di un servizio di storage in cloud potrebbero davvero essere più semplici del previsto.

Alcuni degli aspetti più tecnici relativi allo storage di dati basato su cloud sono stati affrontati nella sezione dedicata al backup online, disponibile sul sito Web di Colt a questo link: https://www.colt.net/it/it/ceano/online-backup-and-disaster-recovery-it.htm

Se state pensando di utilizzare il cloud per tenere al sicuro i vostri dati, o se lo state già facendo, non esitate a confrontarvi con noi!